Volete creare l’abbinamento perfetto per il vostro cioccolato preferito? Allora ci sono un po’ di informazioni che dovete tenere a mente. Innanzitutto dovete conoscere molto bene le caratteristiche dei prodotti che avete scelto per favorire (o facilitare) l’armonia tra le parti.

L’abbinamento con il cioccolato diventa di successo solo quando tutti i componenti sono di alta qualità.

Secondo varie fonti, la chiave per un buon accostamento sta nello scegliere un vino caratterizzato soprattutto da aromi e sapori forti e distintivi, tali da non essere coperti dal cioccolato. Inoltre deve possedere tannini molto contenuti e una bassa acidità, senza risultare troppo secco e troppo astringente.

Più è alta la percentuale di cacao nel cioccolato, esempio cioccolato Vanini fondente 86%, più il vino deve essere aromatico, strutturato e soprattutto persistente. Vini raffinati si armonizzano molto bene con prodotti di cioccolato dal gusto intenso fatti con semi di cacao di qualità quale il Vanini fondente 74% con granella di cacao.
Il cioccolato andrebbe dunque abbinato ad un vino liquoroso rosso e dolce, come del Marsala oppure del moscato passito di Pantelleria. O, seguendo il più famoso e più utilizzato abbinamento, al Barolo Chinato. Anche il Primitivo di Manduria è considerato una vera leccornia da abbinare al cioccolato fondente e sempre più spesso viene servito per accompagnare diversi tipi di dolce e di cioccolato.
Ottimi sono anche i vini morbidi ricchi di glicerina, giustamente tannici, rotondi, che non si lasciano sopraffare dal cioccolato come i vini rossi passiti. Ma anche vini come Porto, uno Sherry, Madera, o il Vermouth. Oppure grappe morbide ed invecchiate in legno e Calvados. Ed ancora al nostro aromatico fondente con rosmarino è possibile abbinare un buon distillato o del cognac, o un grande spumante.

Post correlati